Tempo di semina

Non è mai la giusta stagione per seminare senza sapere se si raccoglierà qualcosa; nel dubbio, ho seminato, forse male, ma ho provato a farlo, ho tentato di rendere fruttifero un deserto o un cumulo di rocce o un castello di sabbia bagnato dal mare.

Insisto e continuo nella mia opera che tanto mi ricorda quella dei contadini di un tempo, quando non c’era agronomia, né scienza, né antiparassitari o anticrittogamici, ma la terra, daje e daje, qualcosa produceva.

Ecco, io, daje e daje, sono convinto che prima o poi coglierò qualcosa di quanto seminato e non calpestato.

3 pensieri su “Tempo di semina”

  1. Ci provo sempre anche io.
    Spesso non cresce nulla, i semi vengono portati via dal vento o dagli uccellini.
    Talvolta, il terreno mi è ostile.
    Ma capita, che sorgano germogli fantastici. Per i quali, ne è valsa la pena…

I commenti sono chiusi.